Leroy Merlin Acquistare Mobili Arredamento Online Img728x90

Stufa a pellet senza canna fumaria : costi, prezzi, funzionamento e montaggio

Stufa a pellet senza canna fumaria : costi, prezzi, funzionamento e montaggio
Media 4.9 - Voti 7

La stufa a pellet è, senza ombra di dubbio, uno dei sistemi di riscaldamento più rivoluzionari, ecocompatibili, sostenibili, puliti ed economici presenti sul mercato, grazie al moderno metodo di funzionamento ed all’utilizzo del pellet, una delle fonti di riscaldamento più ecologiche disponibili. Con le stufe a pellet senza canna fumaria , chiamate anche multifire, si può riscaldare casa in modo pratico ed economico. Vediamo quali sono le caratteristiche che devono avere le stufe a pellet cosiddette senza canna fumaria” e tutto ciò che bisogna sapere, prima di scegliere il modello più adatto alle proprie esigenze.

Stufa pellet senza canna fumaria

Al giorno d’oggi chi non ha mai sentito parlare di stufe a pellet? In pochi credo, infatti persone e famiglie, che ricorrono a questo tipo di riscaldamento sono sempre più numerose, per tanti motivi che vanno dal fascino e calore della fiamma accesa, sino ad arrivare all’efficienza termica che la stufa garantisce. La stufa a pellet ha avuto una grande diffusione negli ultimi anni, perchè è un sistema ecologico ed economico per riscaldare casa e non solo, può essere utilizzata anche per ambienti di lavoro.

Se di stufe a pellet se ne sente parlare sempre più spesso, meno frequentemente si fa chiarezza riguardo ai modelli“senza canna fumaria”, alla possibilità di installazione in qualsiasi ambiente e punto della casa, alla possibilità di utilizzarla con i termosifoni o ai vincoli tecnici e pratici che possono impedire il loro impiego.

I produttori che realizzano stufe a pellet multifire sono vari : Palazzetti, Ravelli, Edilkamin, Mcz, Montegrappa, La nordica, Ariel, alcuni modelli li puoi trovare, insieme a molte altre offerte, da Obi, Le Roy Merlin, Bricoman, oppure sui grandi portali di vendita online e comparatori prezzi come Amazon (dove potrai leggere anche opinioni e recensioni certificate dei vari prodotti), Ebay, Trovaprezzi e Kelkoo, ma vediamo innanzitutto di capire cosa si intende per stufa a pellet senza canna.

Stufa a pellet senza canna fumaria | Foto 1

Esiste la stufa a pellet senza canna ?

Le stufe senza canna fumaria, esistono realmente ? E’ possibile utilizzarle in qualsiasi caso ? La risposta a queste domande è “nì”, infatti la dicitura “senza canna fumaria” è fuorviante, può creare un equivoco, trarre in inganno e indurre a credere che questo tipo di stufa a pellet non abbia bisogno di uno scarico per i fumi, niente di più sbagliato, perchè un tubo, un condotto fumario è indispensabile. Qualsiasi tipo di stufa, che sia a pellet, a legna o altro combustibile, produce fumo ad alte temperature ( sino a 200° – 300°), che deriva appunto dalla combustione del materiale utilizzato e che deve essere necessariamente eliminato all’esterno di ogni ambiente, in modo da non danneggiare la salute dei suoi abitanti, seguendo le normative vigenti e mediante tiraggio forzato.

Il vantaggio di queste stufe è relativo al fatto che non c’è bisogno di una canna fumaria vera e propria per installarla ed utilizzarla, basta una presa di corrente per alimentarla ed un semplice tubo del diametro di 8cm., che può essere installato dentro o all’esterno di una parete, ma che deve avere obbligatoriamente il suo culmine in un comignolo copra il tetto, che possa evacuare i fumi e garantire un tiraggio naturale. Per questo motivo l’acquisto e l’utilizzo di una stufa a pellet senza canna, viene preso sempre più in considerazione, da chi non vuole rinunciare ad un riscaldamento ecosostenibile,  ma allo stesso tempo non ha una canna fumaria o la possibilità di realizzarla.

Sino al 2012 lo scarico fumi poteva essere fatto anche direttamente dalla parete esterna, dopo di che la legislazione è cambiata e la tubazione di scarico deve completare la sua corsa, con un fungo terminale al di sopra della copertura dell’immobile.

* Aggiornamento prezzi : 2019-11-08 at 04:40 - Disponibilità e prezzi riferiti alla data/ora indicati, possono essere soggetti a cambiamento

Stufa a pellet senza canna fumaria | Foto 2

Come funziona una stufa a pellet senza canna fumaria

La stufa a pellet è un apparecchio simile a quella a legna, adibita al riscaldamento di ogni tipo di ambiente, che utilizza come combustibile solido il pellet, un prodotto ecologico che si ottiene dagli scarti di lavorazione del legno. Ogni stufa di questo tipo, funziona mediante la combustione del pellet, il quale durante il processo che permette il riscaldamento degli ambienti, produce dei fumi che vanno obbligatoriamente espulsi tramite uno scarico che abbia diametro minimo di 8 cm e che, come già accennato e come impongono norme edilizie e sanitarie, può essere fatto installando un tubo esterno, che attraversi il muro perimetrale e arrivi obbligatoriamente oltre il tetto. I fumi prodotti dalle stufe a pellet possono raggiungere temperature altissime, anche di 300 °C e per quanto si possano ritenere ecologici, devono essere dispersi in totale sicurezza, senza creare danni alcuni a cose e persone, tramite tiraggio forzato con ventilatore elettrico.

In una stufa a pellet, generalmente il combustibile viene immesso nel serbatoio, viene aspirato da una coclea e lasciato cadere nella camera di combustione, all’interno di questa, un getto d’aria, che avviene a temperature elevate, produce la fiamma, la combustione del materiale ed il processo che consentirà il riscaldamento dell’ambiente. La stufa solitamente è dotata, nella parte superiore della struttura, di una vaschetta con acqua, che aiuta a mantenere nell’ambiente la corretta umidità.

Riepilogando, quali sono le condizioni minime indispensabili per utilizzare una stufa a pellet senza canna fumaria ?

  • Una presa elettrica per alimentare la stufa.
  • Presenza di un muro perimetrale esterno dove accostare la stufa e far passare lo scarico.
  • Verifica della presenza di impianti e tubazioni nella parete dove si andrà a installare lo scarico

* Aggiornamento prezzi : 2019-11-08 at 04:40 - Disponibilità e prezzi riferiti alla data/ora indicati, possono essere soggetti a cambiamento

Stufa a pellet senza canna fumaria | Foto 3

Condomini e stufe a pellet senza canna

È possibile collocare nel proprio appartamento una stufa a pellet priva di canna fumaria ? È possibile installare una canna fumaria quando si abita in condominio ? Quali sono le restrizioni ?

Prima che la normativa lo vietasse, era possibile installare questo genere di stufa in qualunque appartamento, perché era sufficiente lo scarico a parete senza salire a tetto, ma dopo il 2013 le cose sono cambiate e anche in condominio, così come nelle abitazioni autonome, qualsiasi stufa installata deve avere lo scarico fumi oltre il tetto, la normativa non permette di scaricare i fumi a parete ed altezza uomo, così come la legge del buon senso, perché oltre ad essere una pratica poco civile, peggiorerebbe la qualità dell’aria dei vicinanti e di conseguenza i rapporti tra i condomini.

Installare una tubazione di scarico ed una canna fumaria quando si abita in condominio è possibile, considerando però alcune restrizioni e aspetti di fondamentale importanza.

Innanzitutto, la prima cosa da fare è quella di recuperare e leggere il regolamento condominiale, così da verificare l’assenza di vincoli o limitazioni edilizie che impediscano in modo esplicito l’installazione della canna fumaria. In caso positivo è necessario verificare anche la presenza di canne fumarie esistenti, perchè la distanza tra queste dovrà essere di almeno mezzo metro, per consentire il buon funzionamento della canna ed evitare trasferimenti di pressione, che potrebbero provocare dei malfunzionamenti.

Bisogna inoltre ricordare  che la normativa UNI 10683 impone che, i fumi generati da stufe a pellet e a legna, debbano avere una propria canna indipendente dalle altre presenti nell’immobile.

Fatte tutte le dovute verifiche, sarà necessario richiedere in assemblea, il consenso agli altri condomini, dopo di che si potrà procedere all’installazione della stufa e ai lavori di posizionamento dello scarico fumi e del comignolo in copertura, da parte di personale specializzato.

Pro e contro di una stufa a pellet senza canna fumaria

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi nell’utilizzo di una stufa a pellet priva di canna fumaria ?

Vantaggi e svantaggi

La stufa a pellet senza canna porta con sè alcuni vantaggi:

  • E’ una soluzione flessibile e versatile, perchè non necessita della presenza di una canna fumaria
  • Demolizioni e interventi edili sono minimi, poco dispendiosi e poco invasivi
  • Veloce e semplice da installare
  • Possibilità di sgravi fiscali

Quali sono gli svantaggi?

  • In condominio, è necessaria l’approvazione in assemblea degli altri residenti
  • Non funziona senza elettricità
  • Necessita in ogni caso di personale specializzato per eseguire lavori e norma e rilascio di certificato
  • Non è possibile integrarla a termosifoni e impianti, esistono già altri modelli specifici in grado di produrre anche acqua calda sanitaria, ma necessitano di canna fumaria

[AutoCompleteZon id=’3′]

Come sceglierla

Prima di scegliere una stufa a pellet senza canna fumaria e procedere all’acquisto,  sarebbe preferibile chiedere il parere di un tecnico specializzato che possa consigliare la soluzione migliore da adottare conformemente alla normativa vigente, in base alle singole esigenze e alla struttura del fabbricato dove la stufa verrà posizionata, questo perchè non è possibile installare la stufa autonomamente, bisogna rivolgersi a professionisti abilitati, che rilasceranno a fine lavoro anche una dichiarazione di conformità dell’impianto a norma di legge. Prima dell’acquisto bisogna valutare che le caratteristiche della stanza ed il posizionamento del tubo di scarico, siano idonee all’installazione.

La scelta deve essere fatta in base ad alcuni parametri, che possono variare da caso a caso e si possono riassumere così :

  • Prestazioni e potenza nominale, sono la prima cosa da tenere in considerazione quando si decide di passare ad una stufa a pellet senza canna fumaria.
  • Design, spesso questo tipo di stufa è anche un oggetto di design che può arricchire l’ambiente in cui verrà collocata.
  • Posizionamento all’interno del locale, anche questo aspetto è importante, perchè il suo posizionamento potrà condizionare la resa all’interno del locale stesso e di quelli vicinanti.
  • Dimensioni della stanza, bisogna considerare quanti metri cubi dovranno essere riscaldati, per fare un esempio generico, una stufa di 10-12 kW può riscaldare un locale di 300 metri cubi circa, equiparabili ad ambienti di 30-35mq.
  • Dimensioni della stufa, quando viene collocata in spazi ridotti, è necessario valutare anche questo parametro così da consentire il corretto distanziamento da cose e persone.
  • Termostato integrato che possa garantire un miglior comfort ed un maggiore controllo di temperatura, ventilazione ed efficienza della combustione.

Prezzi stufa pellet senza canna fumaria

Il prezzo delle stufe a pellet senza canna fumaria dipendono da alcuni fattori, come la loro potenza nominale ed i kilowatt di potenza calorica, la loro efficienza in base ai metri cubi che dovranno scaldare, il design e linee più o meno all’avanguardia della stufa, la qualità di materiali e rivestimenti e non ultima la marca. In generale i costi non si discostano molto dalle stufe a pellet classiche, perchè la principale sostanziale differenza è nel metodo di installazione “senza canna fumaria”, che come già detto facilita le operazioni.

In generale il prezzo può essere compreso tra i 100 e 200 eur a kW , al quale bisogna necessariamente sommare i costi di installazione ed eventuali opere idrauliche e murarie, che come si è già visto sono ridotte rispetto ad una stufa normale con canna fumaria.

* Aggiornamento prezzi : 2019-11-08 at 04:49 - Disponibilità e prezzi riferiti alla data/ora indicati, possono essere soggetti a cambiamento

Quanto costa una stufa a pellet senza canna fumaria?

La scelta del marchio può farla da padrone nel prezzo della stufa, produttori come Edilkamin, Palazzetti, La Nordica ed altri, sono garanzia di qualità costruttiva e resa termica, pertanto il costo può essere leggermente superiore rispetto a marchi meno conosciuti.

Generalizzando, il prezzo di questa tipologia di stufa può variare dai 500-700 euro di modelli con 5-7 kW , sino ad arrivare ai 2.500/3.000 euro di modelli più potenti, di marca e di alto design.

Risparmia il 18%

* Aggiornamento prezzi : 2019-11-08 at 04:55 - Disponibilità e prezzi riferiti alla data/ora indicati, possono essere soggetti a cambiamento

* Aggiornamento prezzi : 2019-11-08 at 07:17 - Disponibilità e prezzi riferiti alla data/ora indicati, possono essere soggetti a cambiamento

Stufa a pellet senza canna fumaria | Foto 4

[AutoCompleteZon id=’3′]

Stufe a pellet senza canna fumaria Leroy Merlin

739,00€
disponibile
Leroymerlin.it
1.290,00€
disponibile
Leroymerlin.it
1.390,00€
disponibile
Leroymerlin.it
1.130,00€
disponibile
Leroymerlin.it

Stufa a pellet senza canna fumaria usata

Comprare una stufa a pellet senza canna fumaria usata o nuova ? Su internet si possono trovare varie offerte dove recuperare una stufa usata, chi la vende potrebbe essersi accorto di aver acquistato un modello non adatto alle proprie esigenze, oppure potrebbe essere stato costretto a cambiare casa per motivi familiari e/o lavorativi ed aver deciso di rimettere in vendita un apparecchio usato ma ancora inutilizzato. Su subito.it, kijiji.it, ebay.it si possono trovare offerte vantaggiose, il consiglio è quello di incontrare il venditore, verificare l’integrità del prodotto, il corretto funzionamento e la presenza di una eventuale garanzia residua, prima di concludere l’acquisto.

Montaggio di una stufa a pellet senza canna fumaria

Una stufa a pellet è sicuramente un’ottimo investimento per il futuro, ma non deve essere valutato con troppa leggerezza, perchè anche una stufa a pellet priva di canna fumaria deve essere installata da personale abilitato e specializzato.

Stufa a pellet senza canna fumaria | Foto 5

Come installare la stufa a pellet ?

Come abbiamo già accennato nei paragrafi precedenti, è di fondamentale importanza che la stufa abbia un tubo di scarico con diametro di 8 centimetri e dotato di fungo terminale che vada oltre il tetto, di conseguenza sono sconsigliate soluzioni fai da te che potrebbero provocare e causare danni a cose e persone, è molto importante che l’installazione venga fatta da tecnici esperti, abilitati e specializzati, che siano in grado di installare la stufa in piena sicurezza, nel rispetto di tutte le normative vigenti in materia e che al termine del lavoro rilascino l’obbligatoria certificazione dell’impianto a norma di legge. Che la stufa a pellet sia con o senza canna fumaria, l’intervento di personale abilitato è necessario.

Siccome la stufa a pellet funziona con l’alimentazione elettrica, bisogna anche considerare che in caso di black out, la stufa si spegne e potrebbe far uscire fumo dallo sportello, per questo motivo l’installazione deve anche prevedere la realizzazione di un piccolo condotto per il tiraggio naturale, che garantirà la fuoriuscita dei fumi in questi casi rari di emergenza e interruzione dell’energia elettrica.

Quanto costa installare una stufa a pellet senza canna ?

Bisogna sempre ricordare che oltre al costo della stufa, bisogna mettere in preventivo quello dell’installazione, che è molto variabile, perchè determinato dalla manodopera, dallo sviluppo del tubo di scarico, dal terminale e da eventuali opere idrauliche e di muratura, necessarie per portare la tubazione oltre il tetto, quindi potrebbe variare tra i 200-400 euro di opere semplici, sino anche a 1.000 euro e oltre, nel caso in cui le opere da realizzare per gli scarichi siano più complesse.

Come pulire una stufa a pellet senza canna ?

Le stufe a pellet funzionano a combustione e questa genera cenere, polveri e fuliggine, che anche se ridotti rispetto alle stufe a legna, soprattutto se si utilizza pellet di qualità, vanno rimossi periodicamente. Una delle chiavi per il corretto funzionamento della stufa, indipendentemente dal tipo, è la pulizia e la manutenzione ordinaria, mantenerla pulita garantirà alte prestazioni e massimo comfort. La manutenzione e la cura delle stufe a pellet è molto facile e semplice, bastano pochi minuti a settimana, esistono anche dei kit che agevolano e semplificano la pulizia della stufa.

* Aggiornamento prezzi : 2019-11-08 at 04:40 - Disponibilità e prezzi riferiti alla data/ora indicati, possono essere soggetti a cambiamento

Con l’arrivo dell’autunno, dell’inverno e del freddo dobbiamo fare un piccolo controllo della stufa, dopo i mesi caldi in cui l’abbiamo praticamente inutilizzata. Prima della messa in funzione è prioritario assicurarsi che i tubi di evacuazione fumi siano puliti, bisogna verificare inoltre che non vi siano crepe, graffi o danni alla stufa.

Mantenendo pulita la stufa permetterà di ottenere il massimo delle prestazioni e del comfort. La pulizia è condizionata anche dalla frequenza di utilizzo e dall’uso che ne facciamo, a seconda che la si usi nei fine settimana, in modo moderato (2 o 3 giorni a settimana) o intensivo (più di 3 giorni a settimana), dovremo effettuare una manutenzione della stufa più o meno accurata.

La manutenzione nella maggioranza dei casi è molto semplice, rapida e veloce da eseguire, spesso impiega solo poco tempo a settimana, se fatta regolarmente e nel modo corretto, garantisce che la stufa abbia sempre prestazioni ottimali di funzionamento.

La manutenzione ordinaria potrai effettuarla in perfetta autonomia, mentre per quanto riguarda quella straordinaria potresti valutare l’ipotesi di rivolgerti a tecnici specializzati.

Pulizia ordinaria

La pulizia ordinaria va fatta mediamente un paio di volte la settimana se la stufa viene usata normalmente, di più, se viene usata intensamente. La manutenzione più o meno frequente dipende anche dalla qualità del pellet utilizzato, ad una qualità maggiore corrisponde una quantità minore di cenere generata dalla combustione e viceversa.

La manutenzione ordinaria è molto semplice e veloce da fare, impiega solo pochi minuti e consiste sostanzialmente nella pulizia dell’interno della stufa, nella pulizia del vetro dello sportello di chiusura e del braciere nel caso presenti incrostazioni. Se la pulizia ordinaria viene trascurata, si sarà costretti ad effettuare pulizie straordinarie molto più spesso.

Bisogna innanzitutto aspirare tutta la cenere presente all’interno della stufa, tramite un bidone aspiracenere che abbia un tubo flessibile, una lancia piatta in plastica e/o una spazzola con setole in Nylon, per raggiungere i punti più difficili, assicurare una perfetta pulizia ed una corretta asportazioni di tutte le ceneri ed i rifiuti solidi presenti.

* Aggiornamento prezzi : 2019-11-07 at 20:44 - Disponibilità e prezzi riferiti alla data/ora indicati, possono essere soggetti a cambiamento

Nel caso in cui con il bidone aspiratutto non si riuscissero a raggiungere tutti gli angoli, o si presentassero dei residui solidi difficile da asportare, è possibile utilizzare una bomboletta ad aria compressa, che consente il distaccamento dello sporco più difficile dalla camera interna della stufa e la successiva aspirazione.

CDI 3293510 Aria Compressa, 400 ml *
  • Spray
  • Per eliminare polvere
  • 400 ml

* Aggiornamento prezzi : 2019-11-07 at 20:44 - Disponibilità e prezzi riferiti alla data/ora indicati, possono essere soggetti a cambiamento

In seguito è consigliato pulire il deflettore e verificare che il braciere non presenti delle incrostazioni, nel caso in cui queste siano presenti, bisogna rimuoverlo, togliere i residui solidi con una punta metallica, di solito fornita in dotazione alla stufa, e pulirlo a fondo con spugna leggermente abrasiva, panno e detergenti specifici, per fare in modo che la grata ed i fori siano completamente liberi da sporcizia, in questo modo la funzionalità della stufa ed il flusso d’aria di funzionamento, saranno sempre quelli ottimali e la formazione di fuliggine ridotta al minimo.

Riposizionato il braciere, si può passare alla pulizia del vetro e delle guarnizioni, bisogna ricordare che utilizzando pellet di buona qualità, i depositi di sporco saranno minori. La pulizia di guarnizioni e vetro, può essere fatta con un panno Scottex leggermente inumidito, che consentirà di togliere polvere/residui ed un panno asciutto per asciugare il vetro.

Risparmia il 28%
Stufa a Pellet, pulisce vetri di stufe e camini, caminetti 2x500ml, rimuove annerimento e fuliggine dai vetri senza fatica, pulizia vetro camino - GLASS CLEAN *
  • Pulisce vetri di stufe a pellet e vetri di camini o caminetti.
  • Dopo una o piu' giornate con il fuoco del camino o con stufa a pellet accesa capita che il vetro si scurisce o annerisce, ecco perchè abbiamo...
  • Rimuove annerimento del vetro causato dal fuoco e ridona la trasparenza.

* Aggiornamento prezzi : 2019-11-07 at 20:44 - Disponibilità e prezzi riferiti alla data/ora indicati, possono essere soggetti a cambiamento

Nel caso in cui sul vetro si siano formate delle incrostazioni, è possibile utilizzare appositi detergenti, che consentono di eliminare tutta la sporcizia accumulata.

Video Youtube : pulizia ordinaria della stufa

Il canale Youtube “Tutorial Academy” ci mostra come fare la pulizia ordinaria di una stufa a pellet

Auto pulizia

Al giorno d’oggi esistono anche modelli di stufe a pellet che incorporano una funzione autopulente, che consente di pulire automaticamente la stufa e deve essere avviata premendo un apposito pulsante, solo a stufa completamente spenta e raffreddata.

Stufa a pellet senza canna fumaria | La Casa | Architetto Online 3

Pulizia straordinaria

Come procedere con la pulizia straordinaria della stufa? Ogni stufa a pellet è dotata di libretto d’uso e manutenzione, consultandolo potrai trovare informazioni per la pulizia regolare ed in alcuni casi anche straordinaria.

La manutenzione straordinaria deve essere effettuata quando, nonostante la pulizia ordinaria, si nota un aumento di depositi e residui all’interno della stufa e sul vetro, la pulizia deve essere più approfondita rispetto a quella ordinaria e fatta ogni 12 mesi circa, ancora meglio se si fa 2 volte l’anno, serve per mantenere la stufa nella sua massima efficienza e per ottimizzarne i consumi. Consiste in due operazioni, una relativa alla pulizia dell’intera camera di combustione, l’altra relativa al condotto fumario che va verso il tetto.

Per effettuarla, prima di tutto togliere corrente alla stufa, aprire lo sportello anteriore, rimuovere braciere, serbatoio, deflettore superiore e il pannello posteriore che viene attraversato dai fumi, a questo punto pulire tutte le parti rimuovendo patine biancastre e aspirando tutta la cenere e la fuliggine presente, successivamente aprire il condotto di aspirazione dove si trova la ventola ed il serbatoio, dove si accumula parte della fuliggine prima di essere trattata dalla ventola e aspirare tutti i residui.

Risparmia il 8%
BARETTO - Kit 3 metri - 2 Spazzole Pellet 80 e 100mm in Nylon - Kit Pulizia Stufa a Pellet Tubi Canna Fumaria con Curve *
  • 2 Scovoli Pellet Ø 80 e 100mm in Nylon
  • Perno Filettato M12
  • Spazzole realizzate con mescola di filo bicolore, Bianco per eliminare incrostazioni e Blu raccogliere la polvere, ottime per la pulizia dei tubi con...

* Aggiornamento prezzi : 2019-11-08 at 05:29 - Disponibilità e prezzi riferiti alla data/ora indicati, possono essere soggetti a cambiamento

Successivamente alla pulizia della camera di combustione, si deve passare a quella della canna da fumo, che si può fare con appositi kit studiati proprio per le stufe a pellet e similari, formati da scovoli in nylon di vario diametro e prolunghe flessibili , che possono entrare nella tubazione  in profondità, anche di vari metri. Per procedere alla pulizia bisogna innanzitutto riparare tutto il pavimento al di sotto e intorno allo scarico, perchè potrebbe cadere molta fuliggine, bisognerà smontare il pezzo terminale che si collega alla parete e inserire lo scovolino all’interno dello scarico, agganciando le prolunghe per arrivare più in sommità possibile, successivamente dovrai muovere lo scovolino avanti e indietro fino a quando cadrà in basso tutta la fuliggine depositata, aspira tutto con l’aspiracenere, inserendolo anche all’interno della tubazione ed avrai terminato la manutenzione straordinaria. In questo modo prolungherai la vita della stufa e la manterrai sempre efficiente.

Video Youtube : pulizia straordinaria della stufa

Il canale Youtube “Tutorial Academy” ci mostra come fare la pulizia straordinaria di una stufa a pellet

Legge e normativa

Sino al 2012 la normativa che regolava lo scarico dei fumi di combustione ha consentito di realizzare un tubo con fungo sporgente dalla parete esterna, di conseguenza, l’installazione delle delle stufe è stata fatta agevolmente, sia in case singole che in condomini. Nello stesso anno è però entrata in vigore la nuova norma UNI 10683 , che regola l’installazione, la verifica e la manutenzione degli impianti domestici a biomassa solida e che vieta espressamente la realizzazione di canne fumarie e condotti a parete di tali dispositivi, facendo decadere l’aspetto che più di tutti aveva favorito l’installazione delle stufe a pellet senza canna fumaria, difatti era sufficiente praticare un foro nel muro perimetrale per poterla installare in qualsiasi ambiente domestico.

Dopo l’entrata in vigore della norma UNI 10683, che si occupa dei generatori di calore alimentati a legna o altri biocombustibili solidi, è diventato obbligatorio portare il condotto di scarico dei fumi oltre il tetto, rimane comunque il vantaggio di poter utilizzare una stufa a pellet “senza canna fumaria”, perchè basta convogliare i fumi in un tubo di scarico del diametro di 8cm., che deve avere in ogni caso un fungo terminale in copertura.

Lo scarico delle stufe a pellet trasgredisce anche altre norme:

• DM 37/08 (installazione degli impianti internamente ai fabbricati)

• DPR 412/1993 (Norme di progettazione, installazione e manutenzione degli impianti termici degli edifici, per il contenimento dei consumi di energia, in attuazione dell’art. 4, comma 4, della legge 9 gennaio 1991, n. 10

• Regolamenti edilizi comunali e regolamenti d’igiene azienda sanitaria locale

Stufa a pellet senza canna fumaria | La Casa | Architetto Online 4

Detrazioni per stufa a pellet senza canna fumaria

Sul mercato si possono trovare stufe a pellet senza canna fumaria un pò per tutte le tasche e le esigenze. I prezzi di una stufa, comprensivi di installazione, possono variare da 1.000 a 3/4.000 euro , a seconda della marca e modello di stufa scelta e dei lavori eventuali da eseguire per portare il tubo di scarico a tetto, una parte di questi costi possono essere recuperati sfruttando rimborsi, bonus, detrazioni e incentivi e agevolazioni fiscali previsti dalla legge, risparmiando così sul costo di acquisto, vediamo come.

Stufa a pellet senza canna fumaria | La Casa | Architetto Online 1

Conto Termico 2.0

Può andare a coprire sino al 65% (solitamente l’importo riconosciuto è più basso) delle spese sostenute ed il vantaggio è che, se l’importo dell’incentivo è inferiore a 5.000 euro, il rimborso viene erogato via bonifico in unica rata entro 90 giorni dall’acquisto. Il Conto termico 2.0 è dunque molto utile quando si vuole ricevere quasi immediatamente il rimborso di una parte della spesa sostenuta per l’acquisto della stufa, per beneficiarne però bisogna sostituire il vecchio e obsoleto impianto di riscaldamento con uno più innovativo e performante, così da aiutare l’ambiente, contribuendo alla diminuzione del consumo energetico globale.

Ecobonus

Installando una stufa a pellet, oltre all’iva ridotta al 10%, puoi accedere all’ecobonus fiscale del 65% e detrarre le spese sul costo del prodotto ai fini Irpef.. Per beneficiare di questa agevolazione, è indispensabile che la stufa a pellet rientri in un progetto generale complessivo di ristrutturazione mirato al miglioramento della prestazione energetica della casa, che sarà certificato da un tecnico abilitato.

Fonti

Notizie

Stufe a pellet : Notizie dal web

Stufa a pellet senza canna fumaria - Lavorincasa.it

Stufa a pellet senza canna fumaria - Lavorincasa.it

25 Ottobre 2018 - Lavorincasa.it

Per installare una canna fumaria è opportuno accertare se vi siano dei divieti all'interno del regolamento condominiale, in merito alla possibilità di fare dei fori ...

Camini e stufe senza canna fumaria Cosa sono e come funzionano

Camini e stufe senza canna fumaria Cosa sono e come funzionano

4 Maggio 2018 - Bergamo Post

Molte persone desidererebbero poter vantare un bel caminetto o una stufa, in casa propria. Purtroppo non sempre questo è possibile: infatti, in tanti rinunciano a ...

Canne fumarie per stufe a pellet: guida utile alla scelta e all'installazione - Biomassapp blog

Canne fumarie per stufe a pellet: guida utile alla scelta e all'installazione - Biomassapp blog

4 Gennaio 2019 - Biomassapp blog

L'installazione delle canne fumarie per stufe a pellet e stufe a legna è regolamentata da una precisa normativa....

Conviene comprare una stufa a pellet usata? - Biomassapp blog

Conviene comprare una stufa a pellet usata? - Biomassapp blog

30 Novembre 2018 - Biomassapp blog

Le stufe a pellet sono, ormai, molto diffuse nel mercato degli impianti di riscaldamento, grazie e soprattutto per la tipologia del combustibile che risulta spesso ...

Migliori Stufe a pellet - Offerte, Test, Classifica, Recensioni e Prezzi 2019 - CityRumors.it

Migliori Stufe a pellet - Offerte, Test, Classifica, Recensioni e Prezzi 2019 - CityRumors.it

26 Marzo 2018 - CityRumors.it

Le stufe a pellet sono una tipologia di stufe molto sofisticate e potenti, essendo dotate di una tecnologia all'avanguardia che riscalda perfettamente un ambiente ...

Palazzetti, le nuove stufe a pellet Elisabeth Ecofire Idro ed Ecofire Inés - Rinnovabili & Risparmio

Palazzetti, le nuove stufe a pellet Elisabeth Ecofire Idro ed Ecofire Inés - Rinnovabili & Risparmio

2 Luglio 2014 - Rinnovabili & Risparmio

Le stufe a pellet Palazzetti Elisabeth Ecofire Idro ed Ecofire Inés si integrano facilmente con l'ecosistema domestico e possono costituire una valida soluzione ...

Riscaldate il vostro inverno con le stufe a pellet di La Nordica Extraflame.

Riscaldate il vostro inverno con le stufe a pellet di La Nordica Extraflame.

7 Dicembre 2018 - Lupokkio.it

Alcuni modelli di stufe a pellet di La Nordica Extraflame. Quattro modelli per vari gusti ed esigenze. Ottimali per il riscaldamento degli ambienti....

Stufe a pellet in condominio, vantaggi e normative - Yahoo Finanza

28 Dicembre 2018 - Yahoo Finanza

La stufa a pellet rende l'ambiente domestico più green ed ecosostenibile. Oltre a regalare alla propria casa un calore diffuso, le stufe a pellet sono anche ottime ...

Stufe a pellet: quali scegliere e le migliori del 2019 - greenMe.it

18 Gennaio 2019 - greenMe.it

Stufe a pellet, quali sono le migliori sul mercato? Come scegliere la migliore in base alle nostre esigenze? Ecco la nostra piccola guida su come scegliere la ...

Guida alle migliori stufe a pellet: risparmio e calore senza spendere troppo - Today

14 Gennaio 2019 - Today

I migliori modelli attualmente sul mercato con elevati standard qualitativi e ottimi rendimenti energetici....

Stufe a pellet e prezzi: quanto è giusto spendere? - Biomassapp blog

3 Aprile 2019 - Biomassapp blog

Acquistare in modo consapevole, conoscere le stufe a pellet e i giusti prezzi....

Indice della pagina

Leroy Merlin Acquistare Mobili Arredamento Online Img728x90

LASCIA un COMMENTO !